SALDI DAL 26 GIUGNO AL 23 LUGLIO, APPROFITTA DEL -15% NEL TUO CARRELLO! CONSEGNA GRATUITA IN 48/72 ore IN UE & REGNO UNITO DA 69€.

Comment soulager les douleurs chroniques ?

Come alleviare il dolore cronico?

Scritto da: Romain Lyomat

|

Come alleviare il dolore cronico?

Ascolta questo articolo:

In questo articolo esploreremo il CBD, la sua definizione e il suo utilizzo tradizionale. Discuteremo anche del dolore cronico, delle sue cause e di come il CBD può aiutare ad alleviarlo. Successivamente, esamineremo come ottimizzare l’uso quotidiano del CBD. Infine, discuteremo le prospettive legali per il suo utilizzo nell’UE, nel Regno Unito e in Canada.

La spiegazione del CBD

Le radici del CBD

Proveniente dalla pianta di Cannabis sativa, il cannabidiolo, più comunemente chiamato CBD , è uno dei molteplici elementi naturali presenti in questa varietà vegetale. Si differenzia dal suo genitore THC (tetraidrocannabinolo), che provoca gli effetti psicoattivi legati al consumo di cannabis, per l'assenza di effetti inebrianti. La sua prima identificazione risale al 1940. Da allora sono stati condotti numerosi studi per valutare i suoi potenziali benefici per la nostra salute.

les racines du cbd

Comprendere l'azione del CBD

L'azione del CBD ruota attorno al suo rapporto con il nostro sistema endocannabinoide (SEC), un aspetto cruciale della nostra fisiologia che controlla varie funzioni vitali come la sensazione di dolore, lo stato emotivo o anche i cicli del sonno. I cannabinoidi come il CBD si uniscono ai recettori CB1 e CB2 situati all'interno di questo sistema per influenzarne l'attività. Tuttavia, a differenza del THC che si lega direttamente a questi recettori creando un intenso effetto psicoattivo, il meccanismo d'azione del CBD è più delicato e complesso. Piuttosto, agisce indirettamente su questi recettori aumentando i livelli di altri endocannabinoidi benefici nel nostro corpo. È grazie a questa azione unica che il CBD potrebbe aiutare a lenire alcune forme di dolore cronico. Inoltre, non provoca euforia o dipendenza.

La definizione e le cause del dolore cronico

Il dolore cronico è definito dalla sua persistenza e resistenza ai trattamenti tradizionali. Generalmente durano più di tre mesi, incidendo notevolmente sulla qualità della vita quotidiana.

Diversi fattori possono essere la causa di questo dolore persistente. Malattie mediche come l'artrite o il cancro possono esserne i responsabili. Le lesioni scarsamente trattate possono anche portare a sofferenza costante. A volte, tuttavia, non esiste una causa apparente che spieghi questo dolore ostinato.

Molte persone con questa condizione riferiscono un notevole calo del benessere generale e un deterioramento mentale a causa della continua frustrazione nel dover affrontare un disagio infinito.

È qui che scopriamo le potenzialità del CBD (cannabidiolo). Nei paragrafi seguenti, esploreremo come questo componente non psicoattivo della cannabis può alleviare efficacemente i sintomi delle persone che soffrono di dolore cronico senza gli effetti collaterali dannosi dei farmaci solitamente prescritti per trattare questa situazione.

Uso medicinale tradizionale della pianta

Sin dai tempi antichi, la marijuana è stata utilizzata come medicina tradizionale . Gli indigeni lo usavano per curare varie malattie tra cui il dolore cronico. La cannabis moderna differisce da quella utilizzata dai nostri antenati ma conserva i suoi componenti attivi con potenziali effetti terapeutici.

medecine traditionnelle

Un articolo del Journal of Pain del 2016 evidenzia gli effetti analgesici del CBD nei pazienti con dolore persistente. Questo composto sembra ridurre l’infiammazione e inibire la trasmissione dei segnali del dolore al cervello.

L'uso medico ancestrale di questa pianta fa luce sui suoi possibili benefici:

  • Capacità di lenire il dolore.
  • Potenziale riduzione dell'infiammazione.
  • Possibile effetto neuroprotettivo.
  • Potenziale aiuto nella gestione di ansia e stress specifici.

È chiaro che il CBD ha un potenziale medico significativo. Tuttavia, va ricordato che si tratta di un’area relativamente nuova che richiede ulteriori ricerche.

Come alleviare il dolore cronico con il CBD?

Prove scientifiche dell’efficacia del CBD

Vari studi clinici hanno evidenziato i benefici del Cannabidiolo (CBD) sul dolore persistente. Uno di questi studi, pubblicato sul Journal of Experimental Medicine, ha rivelato che gli individui trattati con CBD hanno mostrato una significativa riduzione delle sensazioni dolorose. I risultati indicano un potenziale curativo per alleviare il dolore e l’infiammazione senza causare dipendenza o effetti collaterali pronunciati.

Testimonianze incoraggianti

Parallelamente alla ricerca scientifica, abbiamo raccolto numerosi feedback positivi da parte degli utenti che confermano l'efficacia del CBD nel trattamento del dolore persistente. Queste persone notano un netto miglioramento della loro qualità di vita grazie al CBD, evidenziando in particolare una notevole riduzione della sofferenza e un sonno più riposante.

Ottimizzandone l'uso quotidiano

Il dosaggio appropriato di CBD

È fondamentale adottare il giusto dosaggio per alleviare efficacemente il dolore cronico con il CBD. Poiché ogni persona è unica, l’importo necessario può variare. Ti consigliamo quindi di iniziare con una piccola dose e di aumentare gradualmente fino a raggiungere il livello che corrisponde al tuo corpo e ai tuoi sintomi.

Suggerimenti per un consumo efficace di CBD

Per massimizzare l’uso quotidiano del CBD esistono diversi consigli pratici. Innanzitutto, scegli una forma di consumo adatta al tuo stile di vita: a seconda dei tuoi gusti, puoi prendere in considerazione l'olio sublinguale, le capsule o anche la crema topica. Quindi, non aver paura di somministrare la dose regolarmente durante il giorno anziché tutta in una volta per mantenere un livello stabile nel corpo.

consommation efficace du cbd

Prospettive giuridiche nell'UE, nel Regno Unito, in Canada

In termini di legislazione, l’UE ha recentemente riconosciuto il CBD come un prodotto sicuro da consumare. Ogni Paese però ha le sue normative; è fondamentale informarsi prima dell’acquisto.

Nel Regno Unito, la legalità del CBD dipende dal suo contenuto di THC, che non deve superare lo 0,2%. In Canada la situazione è più permissiva: la legge autorizza tutte le forme di cannabis dal 2018.

Questi progressi offrono una nuova prospettiva per coloro che cercano soluzioni naturali per lenire il dolore cronico e migliorare la propria vita quotidiana.

STAY UP TO DATE

Submit your email to get updates on products and special promotions.