-10% SUL TUO PRIMO ORDINE CON IL CODICE BENVENUTO - CONSEGNA IN 48/72o IN UE e REGNO UNITO, GRATUITA DA 69 €.

Regolamento per la vendita di CBD online

Scritto da: Romain Lyomat

|

Ascolta questo articolo:

Regolamento per la vendita di CBD online

La definizione di CBD

Il cannabidiolo, più comunemente noto come CBD, è una molecola presente nella cannabis. Tuttavia, a differenza del THC (tetraidrocannabinolo), presente anche in questa pianta, il CBD non produce un effetto psicoattivo. Pertanto non provoca una sensazione di “euforia” o di euforia.

È uno dei numerosi cannabinoidi presenti nella pianta di cannabis che sta attirando sempre più attenzione per i suoi potenziali benefici per la salute. Secondo diverse ricerche scientifiche potrebbe avere diversi effetti terapeutici:

  • Alleviare alcune forme di dolore
  • Riduzione dello stress e dei sentimenti di ansia
  • Sonno migliorato
  • Regolazione delle funzioni corporee vitali come l'appetito o il sistema immunitario
Bénéfices potentiels du CBD

Ci teniamo a sottolineare che si tratta di un potenziale terapeutico attualmente allo studio e che il CBD non è un farmaco. È necessario utilizzare il CBD sempre sotto controllo medico.

Per quanto riguarda la commercializzazione su Internet, rispetta alcune regole rigorose per prevenire gli abusi e garantirne la qualità. Affronteremo questi punti in seguito per fornirti tutte le informazioni necessarie per un acquisto online sicuro.

Leggi europee

Le normative europee relative alla vendita online di CBD differiscono notevolmente da una nazione all'altra. Inoltre, l’articolo di Forbes (2020) evidenzia questo panorama giuridico diversificato e complicato.

Alcuni stati membri dell'Unione Europea autorizzano il commercio di CBD, se proviene da varietà di cannabis legalmente riconosciute e contiene meno dello 0,2% o 0,3% (a seconda delle nazioni) di THC – il composto psicoattivo dominante in cannabis. Quanto agli altri, sono più rigorosi e ne vietano completamente la commercializzazione.

La Spagna illustra perfettamente questa dualità: sebbene la coltivazione della canapa destinata alla produzione di CBD sia legale, la sua incorporazione in prodotti destinati al consumo umano non è consentita. Nel Regno Unito, invece, ad esempio, è sufficiente rispettare le norme alimentari per commercializzare prodotti arricchiti con CBD.

Questo mix giuridico suggerisce che un’unificazione delle leggi sul CBD in tutta Europa sarebbe vantaggiosa sia per i consumatori che per le imprese.

La situazione in Canada: normativa per la vendita di CBD online

Vente CBD en ligne au Canada

Il quadro normativo federale

In Canada, il quadro giuridico federale offre una visione accattivante per la commercializzazione del CBD su Internet. Ma anche la Legge sulla Cannabis, entrata in vigore nell’ottobre 2018, autorizza e controlla rigorosamente l’accesso alla cannabis per scopi terapeutici e ricreativi. Pertanto, questo testo legislativo include prodotti derivati ​​dalla cannabis come il cannabidiolo (CBD). Sta emergendo un movimento verso una regolamentazione più flessibile per stimolare il commercio elettronico in questo settore.

Norme provinciali specifiche

È fondamentale chiarire che ogni provincia canadese ha la propria legge relativa alla vendita di CBD. Alcuni consentono la distribuzione solo tramite rivenditori autorizzati, mentre altri consentono la vendita diretta ai consumatori tramite piattaforme web specializzate. Questa diversità provinciale rende essenziale per qualsiasi azienda che desideri intraprendere questa attività una conoscenza approfondita delle norme locali.

Focus sul Regno Unito: normativa per la vendita di CBD online

Nel Regno Unito, normative specifiche regolano la vendita di CBD online. Ecco gli elementi essenziali da ricordare:

  • Il contenuto massimo di THC accettato è dello 0,2%.
  • Ogni prodotto CBD deve provenire da una varietà di canapa industriale convalidata dall'UE.
  • I commercianti devono acquisire una licenza rilasciata dalla British Food Standards Agency (FSA).
  • Qualsiasi indicazione medica relativa ai prodotti CBD deve ricevere l'approvazione dell'Agenzia di regolamentazione dei medicinali e dei prodotti sanitari (MHRA).
  • L'etichettatura degli articoli deve essere conforme alle rigorose linee guida FSA.

Ci sembra fondamentale sottolineare il fatto che queste normative sono destinate a cambiare ed evolversi rapidamente. Ti consigliamo quindi vivamente di consultare frequentemente i siti ufficiali per rimanere sempre informato.

Vendere CBD online

La vente du CBD en ligne

Gli obblighi dei commercianti di CBD su Internet

Nel settore del commercio online, chi vende CBD è soggetto a diverse normative. Innanzitutto, la loro prima responsabilità è garantire la tracciabilità dei loro articoli. Ogni prodotto commercializzato, poi, dovrà essere accompagnato da un certificato che attesti il ​​rispetto del livello massimo legale di THC (0,2% in Europa e 0,3% negli Stati Uniti). Devono garantire che il loro prodotto non contenga altre sostanze vietate.

Inoltre, hanno l'obbligo di educare accuratamente i consumatori sulle proprietà e sugli effetti del CBD. Nessuna autorità competente può avanzare un'indicazione terapeutica senza aver validato scientificamente le prove.

Sanzioni per il mancato rispetto delle norme

La violazione degli standard stabiliti espone questi commercianti a significative implicazioni legali. Le sanzioni possono variare a seconda della gravità e della recidiva: possono andare dal semplice avvertimento a multe considerevoli o addirittura alla chiusura amministrativa del sito.

Se un venditore fa pubblicità falsa o fuorviante sui presunti benefici del CBD, le autorità possono anche perseguirlo per pratiche commerciali sleali.

È chiaro che ogni partecipante a quest'area ha tutto il vantaggio di rispettare attentamente queste regole per evitare qualsiasi complicazione con la legge.

STAY UP TO DATE

Submit your email to get updates on products and special promotions.