Olio di CBD e melatonina

CBD e melatonina interagiscono molto bene insieme. La melatonina è una sostanza chimica prodotta dal cervello che ognuno produce da solo. La quantità di melatonina prodotta diminuisce con l’età. Svolge un ruolo essenziale nella regolazione dei ritmi biologici giornalieri e annuali dell'organismo, compreso il ciclo sonno/veglia. I neonati hanno molta melatonina, il che spiega perché dormono così tanto. Rimane elevato per la maggior parte delle persone fino all’adolescenza e persino agli anni del college. Tuttavia, alcune persone producono molto più di altre. C'è una componente genetica in questo, che è probabilmente il motivo per cui puoi vedere l'insonnia correre in alcune famiglie.

A partir de 2990
★★★★★
★★★★★
(3 avis)
A partir de 5690
★★★★★
★★★★★
(1 avis)

Introduzione alla melatonina

La melatonina è conosciuta come l’ormone del sonno, quindi la sua combinazione con il CBD potrebbe aiutarti a dormire meglio. È anche un'indoleammina naturale, che è una famiglia di neurotrasmettitori che include la serotonina. Questo è interessante da sapere perché la melatonina e la serotonina sono strettamente legate. Quindi, la carenza di serotonina può anche portare a una diminuzione dei livelli di melatonina. La serotonina, come la melatonina, interagisce favorevolmente con il CBD.

Come funziona la melatonina?

La melatonina ci aiuta ad addormentarci più che a tenerci addormentati tutta la notte. La melatonina, associata al CBD, potrebbe quindi aiutare a combattere l’insonnia. In altre parole, la melatonina fa parte della funzione vitale dell'orologio biologico del corpo, il ritmo circadiano. La melatonina proviene dal midollo osseo, dalle piastrine, dagli occhi, dalla pelle e dai linfociti. Tuttavia, è regolato principalmente dalla ghiandola pineale (appena dietro la fronte). Quando tutto funziona bene, una grande dose viene rilasciata poco prima di andare a dormire. Questo ci aiuta ad addormentarci. Tuttavia, ci sono molte cose che possono andare storte a causa del nostro stile di vita moderno.

Luce e melatonina

Uno di questi ostacoli è l’esposizione alla luce. Ci siamo evoluti per rispondere all'alba e al tramonto, con un aumento di melatonina circa 2-3 ore dopo il tramonto, rendendoci sonnolenti. Ad esempio, se il sole tramonta alle 19:00, il nostro corpo vorrebbe che andassimo a letto alle 22:00.

Essendo lontano dall'equatore, il sole può tramontare prima delle 17:00 in inverno e dopo le 21:00 in estate. Di solito questo non è un problema in estate. Tuttavia, in inverno, questo tramonto anticipato può favorire il sonno intorno alle 19:00 o alle 20:00. La maggior parte delle persone non va a letto così presto e poiché l'effetto della melatonina svanisce dopo 2 o 3 ore, è normale avere una seconda sferzata di energia proprio prima di andare a dormire. Il CBD potrebbe aiutare a combattere lo stress quotidiano, quindi una dose di melatonina prima di andare a letto può essere utile.

La luce artificiale pone un problema ancora più grande. Anche una breve esposizione alla luce intorno alle 21 o alle 22 può ritardare di alcune ore il rilascio naturale di melatonina, il che significa che potremmo perdere il segnale naturale di andare a dormire. È quindi interessante utilizzare un integratore con melatonina che possa essere combinato con il CBD.

CBD e melatonina

La maggior parte delle ricerche sul cannabidiolo (CBD) si è concentrata sui suoi possibili benefici per i disturbi d’ansia, lo stress percepito e i sentimenti di ansia generale. Questa ricerca è utile per i problemi del sonno perché i disturbi del sonno legati allo stress e all’ansia sono abbastanza comuni. È grazie a questa ricerca che è emerso l’interesse verso la combinazione CBD e melatonina.

A questo punto, la ricerca indica con maggiore forza che il CBD è utile per i problemi del sonno legati allo stress e all’ansia. Questa applicazione è supportata anche da ricerche che indicano l’uso del CBD per problemi legati all’ansia. Il CBD contro lo stress legato alla melatonina per favorire l'addormentamento è quindi una combinazione interessante.

Il CBD può supportare i disturbi del sonno durante la notte, mentre la melatonina può favorire l'addormentamento. Questa combinazione può funzionare per supportare il sonno generale. È interessante notare che alcune persone potrebbero scoprire che il CBD le rende più vigili, ma senza aumentare l'ansia. In queste persone, l'uso notturno del CBD può avere un impatto negativo sul sonno, mentre l'uso nelle prime ore del giorno può favorire il sonno. Questo fenomeno è il motivo per cui la melatonina in combinazione con il CBD utilizzata di notte e per un breve periodo può risolvere problemi di sonno più gravi, poiché la melatonina può compensare gli effetti stimolanti del CBD.