-10% SUL TUO PRIMO ORDINE CON IL CODICE BENVENUTO - CONSEGNA IN 48/72o IN UE e REGNO UNITO, GRATUITA DA 69 €.

Comprensione del sistema endocannabinoide

Scritto da: Arthur Leclerc

|

Il sistema endocannabinoide

Ascolta questo articolo:

Scoperto dagli scienziati all'inizio degli anni '90, il sistema endocannabinoide (ECS) è un sistema di segnalazione biochimica . Esiste effettivamente nel cervello e nel corpo di ogni mammifero. Si compone di due elementi essenziali:

- Recettori dei cannabinoidi, situati in abbondanza nel cervello e nel corpo;
- Endocannabinoidi, neurotrasmettitori responsabili della segnalazione tra i recettori.

Ogni funzione del corpo umano richiede l’omeostasi, o equilibrio, per funzionare in modo ottimale. Il sistema endocannabinoide è essenziale per regolare tutti i principali processi fisiologici che ci aiutano a raggiungere questa omeostasi.

Recettori CB1 e CB2

Attualmente conosciamo due tipi di recettori degli endocannabinoidi:

I recettori dei cannabinoidi-1 (CB1) sono concentrati in abbondanza principalmente nel sistema nervoso centrale, nel nostro cervello, ma si trovano anche nella nostra pelle, nell'intestino, nei polmoni, nel fegato e nei reni. La comunicazione tra i recettori CB1 è essenziale per la regolazione di molti processi fisiologici e cognitivi. Ad esempio la sensazione di dolore, l'appetito, l'umore e la risposta allo stress. Anche memoria, metabolismo del glucosio, fertilità e sonno.

I recettori dei cannabinoidi-2 (CB2) si trovano in tutto il nostro corpo, nel sistema nervoso periferico, nel sistema immunitario e nei tessuti metabolici, nonché in molti organi interni. Si ritiene che i recettori CB2 aiutino a regolare la funzione immunitaria e in particolare la risposta infiammatoria.

Le système endocannabinoïde


Endocannabinoidi

Gli endocannabinoidi sono neurotrasmettitori , come la dopamina e la serotonina, che trasportano messaggi in tutto il corpo. Il primo cannabinoide endogeno ad essere scoperto è stato l'anandamide, seguito poco dopo dall'arachidonoilglicerolo , ma ora sappiamo che ce ne sono molti altri. È ancora difficile per gli scienziati valutare le quantità esatte che produciamo. Questo perché il corpo li sintetizza solo quando ne ha bisogno.

Si legano e attivano i nostri recettori CB1 o CB2 (o entrambi), che innescano una reazione a catena di eventi, influenzando direttamente e indirettamente una pletora di processi fisiologici che controllano il dolore , l'infiammazione, l'umore e il controllo muscolare.

Si ritiene che molte, se non tutte, le condizioni possano essere il risultato di una carenza del sistema endocannabinoide. Vediamo questa situazione quando il nostro corpo non produce abbastanza endocannabinoidi per garantire il suo funzionamento. Il sistema endocannabinoide sembra essere al centro del nostro funzionamento e potrebbe addirittura rappresentare la chiave per il trattamento di malattie precedentemente incurabili come la fibromialgia, l’emicrania e la sindrome dell’intestino irritabile.

CBD e sistema endocannabinoide

L'interesse del CBD risiede nella sua capacità di attivare questi recettori. Ora sappiamo che il suo consumo può agire sui regolatori del dolore. Agisce anche su quelli del sonno , dell'ansia , dell'appetito, della nausea, dell'infiammazione e tanti altri. La ricerca è ancora nelle fasi iniziali ed è probabile che il potenziale terapeutico del CBD sia molto più ampio di quanto sembri.

Altri articoli sullo stesso tema:

STAY UP TO DATE

Submit your email to get updates on products and special promotions.